“Stanze vuote. Racconto in versi” di Alice Musarra. Recensione

di | 1 Settembre 2020

Un’immersione tra prosa e poesia nelle stanze del cuore di una donna.
Quando un amore intenso ma sbagliato ci trascina a fondo, quanto tempo serve per risalire?

Come Pollicino
giorno dopo giorno
mi lascio alle spalle briciole di noi.
Lentamente
cerco di disfarmi di questo fardello
chiamato ricordo.

Scelta ardita e originale quella dell’autrice di raccontare la propria storia d’amore attraverso i versi delle sue poesie e non alla classica maniera, in prosa come in tutti i romanzi rosa.

Posso affermare di aver amato ogni singola pagina di questo libro, ogni illustrazione creata da Alice a raffigurare stati d’animo e sensazioni.


Non deve essere stato semplice esternare tutto il proprio dolore su carta, mettersi a nudo, rendendo i lettori partecipi della fine di un amore così intenso. Scrivere sembra essere stato il modo migliore per allontanarsene, per guardare da fuori tutto ciò che è stato.
“Basta” è una parola che pur devastante, ha permesso di svoltare da una vita diventata insoddisfacente.
Prima uno stato di impotenza, di paura per il futuro. Poi la speranza di una vita nuova, la voglia di trovare quell’amore giusto:

L’amore che può contare su entrambi.
L’amore che rispetta.
L’amore che sa chiedere scusa.

Sprofondare, per poi riemergere e respirare…

Ringrazio Alice Musarra per avermi consentito la lettura di questo suo splendido lavoro.


DETTAGLI del libro

Titolo: Stanze vuote. Racconto in versi

Autrice: Alice Musarra

Casa Editrice: Bookroad

Anno: 2020

Pagine: 167

Genere: poesia, racconto

ISBN: 9788833220307

Formato: cartaceo


Biografia dell’autrice

Alice Musarra è nata nel 1990 a Verona, dove ha vissuto fino al suo trasferimento a Roma. Oltre agli studi porta avanti altre due grandi passioni: la scrittura e il ballo. Laureata in Formazione e Psicologia del lavoro, avvia una propria attività nel settore dei servizi socio-assistenziali. Le sue pagine Facebook e Instagram contano oltre 7000 followers. Da questo percorso e dall’incontro virtuale con migliaia di utenti, è partita la spinta per iniziare a scrivere con rinnovata devozione e passione.

Cosa ne pensi di quanto letto?