“L’azzurro fa bene agli occhi” di S.I.

di | 21 Luglio 2021

Buongiorno commensali. Come procedono le vostre giornate estive? Andate bene a letture?

Oggi vi presentiamo un romanzo d’esordio tutto da scoprire: è un romanzo di narrativa contemporanea che ha al suo interno erotismo, dramma, suspance… il giusto mix per chi vuole movimento nelle storie che va ad affrontare.


Dettagli del libro

Titolo: L’azzurro fa bene agli occhi

Autrice: S.I.

Casa editrice: BRÈ EDIZIONI

Anno: 2020

Pagine: 310 pp.

Genere: narrativa contemporanea/erotico

ISBN: ‎9788832093988

Formato: cartaceo ed ebook


Incipit

Luglio 2017

“Come descriverebbe se stessa in tre parole?” Caterina osservò la persona che poneva la domanda e rifletté. Non sapeva trovare quei tre vocaboli richiesti dall’insegnante che cercava di fornirle una possibilità di uscire dall’imbarazzo. Era la chiusura del colloquio di maturità al quale aveva presentato per lo più materie di psicologia. Peccato che di quelle materie fosse rimasto poco e niente. Non perché difettasse in quanto a intelligenza, piuttosto negli ultimi anni si era data alla coltivazione di compagnie più stimolanti rispetto a quelle offerte dai libri ma che al momento non le tornavano utili per liberarsi delle persone che le sedevano di fronte e che si sforzavano di far terminare il penoso colloquio in via confidenziale. Magari con sorrisi o come si usa dire: a tarallucci e vino. Lei però nemmeno quella risposta riusciva a dare. Come mi descriverei? si domandò. A consultare il parere dei conoscenti avrebbe potuto definirsi una persona solare, tonica e anche un tantino troia. Ottimo, concluse tra sé, sapendo che quella non sarebbe stata un’eccellente risposta da dare alla commissione e non ne sarebbe derivato un voto ottimo.


Recensione di Daniela

Caterina, giovane studentessa romana, “solare, tonica e anche un tantino troia”, il giorno della sua maturità, al ritorno da scuola, fa un incontro che stravolgerà la sua vita: con i suoi occhi magnetici color azzurro cielo e il suo fare strafottente, Sergej, autista di taxi di origine ucraina, farà breccia nel desiderio di Caterina.

Quello che sembra la sola passione di “una botta e via” si tramuta in realtà in un rapporto che ha del morboso. Più passano i giorni, più Caterina viene a scoprire retroscena del passato di Sergej, ma tutto ciò sembra non spaventarla.

La libertà di essere ciò che si vuole non è mai a buon mercato, così da tempo aveva accettato di pagare il prezzo della sua audacia pur di non rinunciarci.

Attorno a loro ruotano diverse persone: abbiamo donne con un carattere tenace e combattivo, che sanno chi sono e quello che vogliono, che si trovano a interagire con uomini violenti, meschini, che vedono il sesso femminile come puro divertimento.

A tal proposito, trovo notevoli le figure di Vyctoria Rybakova, politica ucraina arrestata per il suo impegno, e di Elisa, giornalista d’inchiesta che, pur di dare voce alla verità, partirà per le zone di guerra in Ucraina e verrà sequestrata e torturata.

Uccisioni, tradimenti, adulteri, fughe, ritrovamenti, dolore, verità svelate, oltre come detto a tanto sesso, dal passionale al violento. Queste alcune componenti del romanzo.

Al fianco di una scrittura a volte cruda, troviamo però anche diversi momenti poetici e riflessivi.

Non negarti in quest’esistenza l’amore

Sai cosa è l’amore?

A volte trai piacere da un grande dolore,

in sostanza questo io chiamo L’Amore

Dei personaggi non abbiamo descrizioni minuziose, ma scopriamo elementi che li caratterizzano qua e là tra le righe, assieme a qualche refuso, sfuggito alla stampa finale, ma corretto nella versione ebook.

Adatto ad un pubblico adulto, consiglio la lettura di “L’azzurro fa bene agli occhi” a persone che cercano emozioni intense, che non si spaventano di fronte a nulla e che vogliono dramma ma allo stesso tempo speranza nel futuro.


Biografia dell’autrice

Si può dire ben poco di chi si fa chiamare Senza Identità. Si sa solo che nasce in Umbria nel 1993, ha girato mezzo centro Italia e sta cercando lavoro, magari come infermiera.


Cosa ne pensi di quanto letto?