“La vita all’improvviso” di Francesco Giugno

di | 22 Aprile 2021

La vita a volte ci mette di fronte al dolore più grande e inaspettato. Ti svegli al mattino dando per scontato che sarà un’altra bella giornata assieme ai tuoi cari e invece…

Come scrisse la poetessa premio Nobel Wisława Szymborska : “Nulla è in regalo. Tutto è in prestito”.

Parlarvi di “La vita all’improvviso” sarà per me qualcosa di toccante, perché sono molto sensibile alle storie vere quando drammatiche e mi sono commossa per quanto successo a Francesco e Viviana.

Sono per me un esempio di forza e speranza. Meritano un posto speciale tra gli articoli del blog ed è alla loro storia che riservo la recensione numero 100!

Qualche dettaglio del libro e poi le mie considerazioni.


Dettagli del libro

Titolo: La vita all’improvviso

Autore: Francesco Giugno (io mi sento di aggiungere anche Viviana quale autrice, anche se ha preferito non essere menzionata )

Casa editrice: Susil Edizioni

Collana: Really

Genere: narrativa contemporanea

Anno: 2020

Pagine: 196 pp.

Formato: cartaceo

ISBN: 9788855401630


SINOSSI

Francesco e Viviana vivono a milleduecento chilometri di distanza, lui in Calabria lei in Piemonte. Non si conoscono ancora, eppure, la vita, per entrambi è cambiata improvvisamente. Con grande fatica cercano di affrontare il loro quotidiano, la ripresa del lavoro, la responsabilità di crescere un figlio. Ma entrambi devono fare i conti con un dolore troppo forte. Sentono di aver perso tutto. Rivivono il loro passato che ha avuto un tragico epilogo. L’evoluzione di questo incontro, quasi magico, sarà veloce e inaspettata ed il tempo darà ragione ad entrambi.


Incipit

Francesco
4 gennaio 2013

Mi sveglio presto, oggi.
La camera è vuota e silenziosa, a parte il respiro lieve di Lorenzo che dorme accanto a me.
Sono seduto sul bordo del letto, con lo sguardo fisso in un punto imprecisato. Rimango così, immobile, per un tempo che mi pare infinito. Non ho pensieri, o almeno così mi sembra.
Sistemo attorno al letto dei cuscini in modo da creare delle sponde e poi mi dirigo in bagno.
Mi guardo riflesso nello specchio, vedo un uomo che non conosco: dovrei decidermi a tagliare la barba, ma ho ancora bisogno di questa protezione, per quanto illusoria, di questo piccolo filtro tra me e il mondo.
Mi vesto con calma, mia sorella Grazia arriverà per le otto e mezzo.
Lorenzo continua a dormire, cerco di non fare rumore mentre prendo le ultime cose e scendo di sotto.
Mia sorella arriva puntuale, le avevo chiesto di non suonare ma di avvertirmi con un messaggio e così fa. Andiamo in cucina e subito comincio con la lista delle istruzioni: “Qui trovi l’occorrente per preparare il latte, aggiungici anche tre biscotti. Il biberon è sul tavolo.[…]”.


Recensione di Daniela

È il 2012 quando le vite di Francesco e Viviana vengono sconvolte dalla scomparsa improvvisa dei loro consorti. Francesco è papà di Lorenzo, un bimbo di 21 mesi, Viviana mamma di Martina, appena 33 giorni. Attorno a loro amici e famigliari fanno quanto possibile per sostenerli nelle cose di tutti i giorni ed emotivamente.

Francesco e Viviana cercano di riprendersi per i loro figli. Hanno però necessità di comprendere quanto accaduto e superarlo anche se non è semplice. Attraverso un sito internet, che permette di affrontare il dolore dovuto ad un lutto, parlano con persone nella loro stessa situazione. È il caso che vuole che si incontrino nella chat “Soli insieme” e scoprano diverse affinità .

Da cosa nasce cosa e due dolori si trovano ad essere una nuova unica gioia.

Grazia conviene con la mia prima impressione: “Questo vostro incontro sembra quasi un disegno del destino.”

Francesco non è scrittore, né ha ambizione letteraria. Quanto pubblicato è frutto di un desiderio: quello di dare speranza a persone che si trovassero nella sua stessa situazione. È stato incoraggiato dall’attrice Simona Izzo, curatrice inoltre della prefazione, che conosciuta la vicenda, ha ritenuto fosse speciale e dovesse essere resa pubblica.

Il libro è diviso in tre parti: Dolore, Speranza e La vita in più.

La scrittura è semplice ma molto coinvolgente. La forma narrativa scelta è quella del diario, nel quale vengono scanditi sia i momenti più gioiosi che quelli più tragici e concitati. Abbiamo il resoconto di Francesco ma anche quello di Viviana. Sono i loro ricordi a guidarci attraverso i fatti accaduti. È evidente quanto sia ancora forte il ricordo delle persone perse prematuramente e tanto amate.

Non si ha un continuum narrativo: sono diverse le ambientazioni e presenti parecchi flashback. Occorre prestare attenzione.

Sono citate nella storia canzoni importanti della loro vita, di cui trovate la playlist sul sito dedicato al libro https://www.lavitaallimprovviso.it/

Leggendo La vita all’improvviso mi sono trovata a pensare alla brevità della vita, alla sua imprevedibilità, alla forza necessaria per non arrendersi e darsi una nuova possibilità, al destino che ci toglie ma che sa anche donare.

Consiglio questo libro a tutte le persone che credono all’amore e che cercano la forza per ricominciare a vivere dopo una grande perdita. Lasciate che l’amore riempa nuovamente il vostro cuore, dategli una possibilità.


Biografia dell’autore

Francesco e Viviana sono marito e moglie da marzo 2016, orgogliosi genitori di Lorenzo, Martina e Alessandro.


Cosa ne pensi di quanto letto?