“Inverno romano” di Pablo Cerini

di | 16 Aprile 2021

Quando le circostanze ti remano contro, non ha senso lottare per rimanere a galla. La scelta migliore è accusare il colpo e affondare in silenzio.

Questi i pensieri di Samuele, accusato di omicidi orrendi perché tutte le prove porterebbero a lui. Ma come si è arrivati a tutto ciò?


Dettagli del libro

Titolo: “Inverno romano”

Autore: Pablo Cerini

Casa editrice: self publishing

Genere: thriller , noir

Anno: 2020

Pagine: 211 pp.

ISBN: 9798668800049

Formato: cartaceo ed ebook


Sinossi

“Un thriller godibilissimo, che non posso fare a meno di consigliare” (Thriller Nord)

Entra nel male. Abbandonati alle tenebre. Non puoi lottare contro quello che sei. In una Roma a tratti quotidiana, a tratti inquietante e pervasa da presagi soprannaturali, si dipana il mistero di un noir esoterico ispirato alle atmosfere dei thriller religiosi alla Dan Brown. Protagonista del libro è una figura insospettabile, un prete di una nobile e rispettabile casata dell’Aventino: Don Angelo, che ha perso la fede nella religione e ricerca il senso del dogma cristiano nell’antichità pagana. Suo antagonista è uno spacciatore da quattro soldi, Samuele, antieroe di periferia ch[e si muove tra prostitute e cocaina, in uno scenario degradante in stile “Gomorra”. Un inquietante rito si staglia sullo sfondo della morte di alcune prostitute, e la chiave del mistero sembra essere un bambino, Giona, che non ha mai conosciuto la vera identità del padre. Samuele, il protettore delle donne che cadono nelle tenebre notte dopo notte, sente stringersi il cappio attorno a sé, e cerca di fare luce sul mistero delle morti. Ma la sua mente è distratta da un’altra giovane donna che ha conosciuto, Chiara, la mamma di Giona, con cui il criminale inizia imprevedibilmente una relazione, come in una sorta di disperata ricerca dell’innocenza perduta. Su Samuele indaga la polizia romana, che, per via dei suoi legami con le vittime, lo ritiene il principale sospettato degli omicidi. Ma il vero carnefice si aggira indisturbato nell’ombra, fino a che la sua scia di sangue non si interseca con la vita di Giona. L’incontro scatena la sfida con Samuele, che precipita nelle spire di un’antica presenza affamata di sangue, che sta risorgendo dai sotterranei della Roma esoterica…


Booktrailer

Entra nello spirito del romanzo. Buona visione!


Incipit

Che cosa ne sarà di noi e del mondo che sono abituato a conoscere? Osservo il pigro fluire dei fedeli che escono dalla basilica, una processione che, in qualche modo, ricorda il lento allontanarsi degli uomini dalle fila della nostra fede millenaria. La chiesa si sta svuotando. Lascio vagare lo sguardo sugli affreschi della cattedrale, le cui navate sono riccamente ornate con scene bibliche, dipinte nel corso dei secoli per iniziare gli animi dei popolani ai dogmi della nostra religione.


Recensione di Daniela

In questo romanzo come in nessun altro ho trovato validissimo il detto “l’abito non fa il monaco”. Siamo così abituati a giudicare secondo pregiudizi che non ci rendiamo conto di qual è la realtà delle cose anche se evidente davanti ai nostri occhi.

Siamo a Roma, città della cristianità per eccellenza, corrotta però da malavita e povertà. A guidarci per le vie è Don Angelo. Dopo anni di servizio ineccepibile, inizia a perdere fiducia in fedeli sempre più peccatori, ma non smette di rendersi utile per la comunità e ha un piano per risollevare le sorti dell’umanità.

Sono sempre contento quando ho l’occasione di compiere una buona azione.

Samuele intanto, giovane spacciatore e protettore, conosce per caso Chiara, ragazza madre la cui bellezza e intelligenza non hanno pari. Pur essendo laureata in antropologia e avendo un lavoro come assistente alla Sapienza, ama Samuele e conta su di lui. Qualcosa però scuote la vita del ragazzo che vede assassinare una dopo l’altra le persone che lavorano per lui.

Due dei miei protetti sono morti lo stesso giorno: non può essere una coincidenza.

Tutte le prove porterebbero a Samuele, ma è lui stesso, braccato dalla polizia, a investigare per scoprire chi c’è dietro a queste morti violente e insensate. Si troverà di fronte a una realtà sconcertante.

“È necessaria l’azione per uscire dalle tenebre dell’ignoranza, ed è meglio sbagliare che non agire. Un errore si rivela comunque un progresso, perché sbagliando si screma una possibilità.”

Diversamente da come ci si immagini un thriller classico, qui fin dalle prime pagine sappiamo chi è il responsabile dei crimini avvenuti. Vediamo tutto con i suoi occhi e leggiamo nei suoi pensieri. Solo non comprenderemo appieno le motivazioni fino agli ultimi capitoli. I colpi di scena lì sono fenomenali.

Ci si rende conto dell’amore dell’autore per l’arte e la spiritualità tramite le descrizioni riportate nel romanzo.

Nonostante abbia riscontrato diversi errori di stampa nella copia inviatami, l’autore mi ha assicurato che sono già state apportate le correzioni necessarie.

Consiglio il romanzo a chi non si ferma alle apparenze, a chi sta dalla parte della verità e a chi cerca qualcosa fuori dagli schemi .


Biografia dell’autore

Pablo Cerini lavora per molti anni come sviluppatore software, partecipando alla realizzazione di un videogioco pubblicato su una console Nintendo. Grazie all’attività di sviluppo siti web, si avvicina al mondo del copy writing, compiendo significative esperienze come content creator. Da anni affianca al lavoro di programmatore informatico anche una regolare attività di scrittore. La sua produzione letteraria conta numerosi racconti premiati a concorsi nazionali e pubblicati in antologie.
Satori weekend è il suo primo romanzo edito, vincitore del Premio “I Murazzi” 2019, pubblicato da Genesi Edizioni.

Cosa ne pensi di quanto letto?