Recensione “Dentro l’acqua “di Paula Hawkins

di | 23 Agosto 2019

📚Sinossi

Quando il corpo di sua sorella Nel viene trovato in fondo al fiume di Beckford, nel nord dell’Inghilterra, Julia Abbott è costretta a mettere di nuovo piede nella soffocante cittadina della loro adolescenza, un luogo da cui i suoi ricordi l’hanno sempre tenuta lontana. Di tutte le cose che Julia sa, o pensa di sapere, di sua so‏rella, ce n’è solo una di cui è certa davvero: Nel non si sarebbe mai buttata. Allora qual è il segreto che l’ha trascinata con sé dentro l’acqua? E perché Julia, adesso, ha così tanta paura di essere lì, nei luoghi del suo passato? La verità è sepolta sul fondo del fiume, negli sguardi bassi dei suoi abitanti, nelle loro vite intrecciate in cui nulla è come sembra.


📋Incipit

C’era qualcosa che volevi dirmi, non è vero? Che cos’era? Mi
sembra di essermi distratta da questa conversazione molto tempo fa. Pensavo ad altro, sono andata avanti con la mia vita, ho smesso di starti a sentire e ho perso il filo. Be’, ti sto ascoltando adesso. Però credo che mi siano sfuggiti alcuni dei passaggi più importanti. 


✒Recensione

Thriller ricco di colpi di scena!

Durante la storia ci si trova di fronte a diversi misteri tutti da svelare.

L’autrice è stata così brava a non tradirsi durante la narrazione che rimane  suspence fino all’ultima parte.

Il romanzo è composto da quattro parti, suddivise in capitoli non numerati, ma che riportano il nome del personaggio narrante. Sono infatti i personaggi in modo soggettivo a raccontare ciò che accade e a ricordare vicende del passato. 

Amori, tradimenti, suicidi…. un bel mix di tematiche affrontate.

Linguaggio semplice  e lettura abbastanza scorrevole. Dico abbastanza perché vi sono salti temporali a cui bisogna fare attenzione. 


⭐ Valutazione

⭐⭐⭐⭐⭐/5

Cosa ne pensi di quanto letto?