La direzione

di | 23 Agosto 2019

«M’abbandono all’adorabile viaggio: leggere, vivere dove guidano le parole.»

— Paula Valéry .

Buongiorno “commensali”! Perché vi abbiamo così nominati? Semplicissimo: Renato Zero ha i “sorcini”, Luì e Sofì dei Mecontrote hanno le “trote”, potevamo noi che ci mangiamo libri non invitarvi alla nostra tavola?

Vi chiederete chi c’è dietro la regia del blog.

Qui avete modo di scoprirlo. Iniziamo dalla fondatrice del blog.

Mi presento: mi chiamo Daniela, classe 1979, residente in un bellissimo paesino sulle colline Monferrine.

Mi dedico anima e corpo alla mia famigliola, da moglie e mamma quale sono, ma adoro ritagliarmi qualche ora per leggere e rilassarmi.

Dai tempi delle superiori, avevo perso un po’ l’abitudine alla lettura. Ho ripreso straordinariamente allo scoccare degli “-anta”!

In poco tempo, ho iniziato a recensire su Instagram i romanzi letti e a collaborare con autori emergenti. Era tale l’entusiasmo che ho deciso di lanciarmi in questa avventura meravigliosa che è il blog.

Sono una lettrice eclettica, leggo qualsiasi cosa, persino le etichette del dentifricio o i bugiardini delle medicine.

Non sono una grande appassionata di classici, anche se penso ne proporrò qualcuno col tempo per rimediare alle lacune che ho in campo letterario. In compenso, sono una estimatice del lavoro dei nuovi scrittori. Iniziare dal nulla e farsi conoscere non è mai facile. Non tutti diventano subito Pirandello o King! Sta ai lettori fare passa parola. Un po’ quello che mi auguro di fare io nel mio piccolo.

E ora diamo modo a S.I. di raccontarsi.

Aspirante infermiera del centro Italia, 26 anni, amo la cucina (ho studiato all’alberghiero), i pappagalli e i viaggi.

Ho iniziato a 6 anni a inventare racconti sugli animali, perché mamma mi leggeva quelli di Esopo, e Lupo Alberto, La pantera Rosa, le fiabe di Nonna fortuna e molti altri.
Verso i 13 anni ho iniziato a leggere classici e contemporanei, specialmente letteratura inglese e russa, ma anche Nietzsche e diversi autori tedeschi.
Leggevo moltissimo ma non scrivevo più da un po’, fino a quando verso i 21 anni ho iniziato a frequentare Rossoscarlatto.com, sito di proprietà di Abel Wakaam e lì ho composto i primi racconti erotici, come “Elena e L’angelo” (racconto comico), ma anche favole non erotiche, per esempio “Nel regno di Dio”.
Sporadicamente ho scritto poesie, qualcuna per i concorsi.
È stato Erotici racconti il sito che mi ha fatto scoprire quanto fosse divertente scrivere a più mani.

Gli esperimenti che ricordo con più calore sono stati “Come neve dal cielo sereno”, scritto con un’autrice napoletana, e “I vizi capitali”, scritto con la collaborazione di 7 autori (quindi a 14 mani).

Tutte queste esperienze mi hanno portato a collaborare per le recensioni con Daniele Aiolfi , oggi mio responsabile editoriale, con il quale ho pubblicato il mio primo romanzo: “L’azzurro fa bene agli occhi”.

E che dire di più?

Se avete letto fino a qui, grazie per l’attenzione. Speriamo possiate trovare interessanti gli articoli da noi pubblicati e se vi va un commento o una critica sono sempre accetti.

Cosa ne pensi di quanto letto?